Coast to Coast
Abruzzo - Lazio - Molise - Puglia - Basilicata - Calabria - Campania
ovvero: Adriatico - Appennino - Tirreno
3200 Km
effettivamente percorsi in 7 giorni (media 457 al giorno)
4 -10 giugno 2007
(ultimo aggiornamento) 07/05/12

partecipanti
Amelio (Honda Transalp)
Gianni (Honda X11)

consigliati dove mangiare

Rist. La Laga (Amatrice RI)
Rist. Ciccio a Mare (Rodi G. FG)
Rosticceria di Montano Antilia (SA)
Rist. Il Buongustaio (Pietrastornina
AV)

consigliati dove dormire

Albergo Conca - Amatrice
Hotel Colombina - Frosolone
B&B San Michele - Mormanno
Pensione Vittoria - Maiori

Giorno 1: Codogno - Amatrice (RI)
(Lombardia - Emilia Romagna -
Marche - Umbria - Lazio)
Veloce trasferimento autostradale sino a Falconara (Ancona nord) poi un tratto di superstrada quindi inizia il bello. Sosta pranzo a Cingoli (bella cittadina dal centro storico medioevale) al Ragno d'Oro con pranzo completo a 18 euro. Soste consigliate anche a Camerino e Norcia. Belle le strade. Arrivo ad Amatrice per la notte. Pernottamento in una ampia camera all'Albergo Conca: con prima colazione 25.00 a testa.
Ottima cena (bruschette, spaghi all'amatriciana, ovviamente, arrosticini, scamorza, contorni, caffè e grappe sul tavolo) al ristorante La Laga a 14 euro a testa: consigliato vivamente.

Percorsi 468 Km in 8.30 ore di guida
Rotta GPS: scarica

Giorno 2: Amatrice - Frosolone (CB)
(
Lazio - Abruzzo - Molise)CoastToCoast_Mar-05_WH.jpg (1191996 byte)
Partenza di buon'ora con una splendida giornata primaverile dal cielo terso: prima cartolina della giornata il lago di Campotosto con sullo sfondo il Gran Sasso ancora innevato. La strada, sia sul lago, che da questo a Campo Imperatore, è uno dei tratti più belli di tutta la vacanza. Da non perdere. Scendiamo dal lato di Castel del Monte e quindi verso al Forca di Penne. Scendiamo a fondo valle (strada spesso malandata) ed iniziamo la salita della Maiella. Sosta tecnica (panino) a Caramanico e su verso il passo S. Leonardo e quindi a Campo di Giove. Atmosfera da alpeggi d'alta quota sino a Roccaraso. Superstrada sino a Castel del Giudice e salita a Capracotta (strada stretta poco manutenuta). Anche qui l'aria si fa fina. Ampia vista su tutta l'ampia vallata al centro della quale c'è l'importante centro di Agnone. Consigliamo un giro nella zona di Vastogirardi, Bivio Staffoli, Capracotta per assaporare il gusto della montagna ancora incontaminata; le strade non sono sempre ben tenute, ma i paesaggi valgono la pena. Si prosegue per Pietrabbondante (iniziamo ad incrociare spesso d'ora in poi il Tratturo; se non sai cos'è clicca qui) e decidiamo di fermarci per la notte a Frosolone, famosa per i coltellai (Hotel Colombina: buona cena e pernottamento a 42 euro a testa, nella norma). Passeggiata in centro la sera: deserto totale.

Percorsi 402 Km in 9.00 ore di guida
Rotta GPS: scarica

Giorno 3: Frosolone - Mattinata (FG)
(
Molise - Puglia)CoastToCoast_Mer-06_WH.jpg (702065 byte)
Bella giornata. Si parte seguendo il corso del tratturo sino a Campobasso.
Seguiamo quindi la vecchia statale 17 dal bivio di Monteverde a Ielsi. Bello il tratto con vista sul lago di Occhito scendendo da Gambatesa. A Volturara saliamo seguendo sempre la vecchia SS17. Incontriamo un inaspettato paesaggio alpino e una spettacolare vista su tutta la Daunia dalla cresta sopra Pietramontecorvino. Numerosi i generatori eolici in questa zona. Scendiamo verso il Gargano e ci fermiamo a Rodi Garganico per un'abbuffata di pesce da Ciccio a Mare (27 euro a testa ottimo pranzo di pesce con ottimo vino: consigliato). Riprendiamo la via per immergerci nel verde della Foresta Umbra: una deviazione da non perdere. Si continua lungo la costa: Peschici, Vieste e la costa di Pugnochiuso. Ci fermiamo per la notte a Mattinata (in centro Hotel Alba del Gargano: cena e pernottamento 47 euro a testa: nella norma).

Percorsi 377 Km in 8.30 ore di guida
Rotta GPS: scarica

Giorno 4: Mattinata - Mormanno (CS)
                  
TAPPONE PER UOMINI DURI
(
Puglia - Basilicata - Calabria)CoastToCoast_Gio-07_WH.jpg (1084668 byte)
Ci aspetta la giornata più impegnativa, non tanto per i Km ma per le curve infinite. Si inizia in relax lungo la costa sino a S.Margherita di Savoia (caratteristiche le saline) e poi puntiamo verso Andria. Da qui attraversiamo su una bella strada le Murge verso Altamura (incredibile: si sente veramente l'odore del pane appena si arriva). Stavolta saltiamo Matera (noi l'abbiamo già vista più volte: se non ci siete mai stati visitate i sassi). Prendiamo l'Appia (SS7) nuova e quindi imbocchiamo la vecchia verso Miglionico: uno dei tratti di strada più gustosi per la guida e non solo. Seguiamo la vecchia Appia sino alla discesa verso Albano della Lucania da dove si gode uno splendido paesaggio nella discesa a fondo valle Basento. Saliamo verso il versante opposto in direzione Laurenzana costeggiando il lago della Camastra. Bellissima la strada da Laurenzana fino a Corleto Perticara. Il tratto sulla vecchia SS 103 da qui al fondo valle d'Agri è parecchio trasandato ma immerso nel verde più intenso. Breve sosta sul lago del Pertusillo per un panino e si riparte per il Parco del Pollino. Saliamo a S. Quirico (strada sporca) e quindi sino a Calvera (accento sulla prima a) la strada è invece molto ben tenuta. Uno dei tratti più belli è quello tra Teana ed Episcopia: in alcuni tratti "dolomitica" con belle viste sulla valle del Sinni e sul lago di Monte Cotugno. Ottima strada sino a S.Severino che peggiora leggermente come fondo sino Rotonda (belli i paesaggi dalle alte quote del Pollino). Da Ponte della Valle a Campo Tenese asfalto e tracciato misto veloce bellissimo come anche la discesa a Mormanno sulla SS19. Non ce la facciamo più e ci fermiamo per la notte: la piazzetta è piena di gente ed una gentile vigilessa ci indica il B&B S.Michele: ottimo alloggio, gestori simpatici e disponibili. Cena all'Osteria del Vicolo (stessa gestione): 50 euro a testa per dormire, cenare (ottima cena) e prima colazione. Buona notte

Percorsi 504 Km in 11.30 ore di guida
Rotta GPS: scarica

Giorno 5: Mormanno - Maiori (SA)
(Calabria - Campania)CoastToCoast_Ven-08_WH.jpg (622468 byte)
La SS19 la mattina è bella e deserta sino a Lauria. Da qui a Trecchina in modo da arrivare a Maratea dall'alto: bello! Sosta a Maratea e finalmente il mare dell'altra costa. Lungo il mare sino a Policastro ed anche in questo caso scegliamo un'itinerario alternativo: l'interno del Cilento invece della costa (che conosciamo già benissimo). Bella strada (SS18) con tante curve e tanto verde: da Torre Orsaia ad Alfano, Laurito a Montano Antilia dove ci fermiamo per rifocillarci (nel frattempo temporale violentissimo!) in una rosticceria. Ci saziamo con meno di 8 euro in due! Il parco del Cilento dopo il temporale è ancora più bello, a parte i rivoli di fango sulla strada. A Vallo della Lucania prendiamo la superstrada di fondovalle e quindi la litoranea sino a Salerno. Attraversiamo la città e poi iniziamo la Costiera Amalfitana. Il tempo sta volgendo al brutto e quindi decidiamo di fermarci a Maiori. Alloggio alla Pensione Vittoria, in centro, con box privato, con prima colazione: 30 euro a testa.
Cena da Mammato: da evitare sia per la qualità scadente delle materie prime (gamberi puzzolenti, vecchi, come le cozze e le vongole) che per la scelta degli ingredienti (antipasto con surimi, salmone affumicato, in riva al mare? sulla costiera amalfitana?) e la preparazione (polpo di gomma, alici marinate asciuttissime, calamari di polistirolo ecc.ecc.) Unica nota positiva il buon vino e i moscardini caldi dell'antipasto. Due portate a testa con contorno, più il dolce 37,00 a testa, avanzando quasi tutto). E pensare che ci eravamo detti: "stasera non badiamo a spese: abbuffata di pesce"; peccato.

Percorsi 263 Km in 6.30 ore di guida
Rotta GPS: scarica

Giorno 6: Maiori - Venafro (IS)
(
Campania - Molise)CoastToCoast_Sab-09_WH.jpg (670688 byte)
Uno splendido sole sulla costiera ci invita a riprendere il viaggio con vigore. Saliamo subito verso il Valico di Chiunzi: da non perdere la VISTA SPETTACOLARE sul Vesuvio e la piana di Pompei. Scendiamo verso la costiera a Ravello ed iniziamo a goderci la costa (la mattina si ha il sole alle spalle: è il massimo): Atrani, Amalfi, Furore, Positano, fino a S.Agata dei due Golfi. La Costiera Sorrentina non regge il confronto con le meraviglie appena viste. Soprattutto l'attraversamento di Sorrento è davvero problematico. Scappiamo verso Pompei da dove, in autostrada e superstrada, raggiungiamo Avellino. Saliamo verso il Monte Vergine: una serie impressionante di tornanti a picco sopra la città. raggiunto il santuario proseguiamo (la strada sembra interrotta, ma non è così) verso Campo Maggiore, un'oasi davvero incontaminata. La strada è però spesso brutta con ampie pozzanghere e tratti con asfalto rotto, ma è fattibile con la dovuta calma, gustandosi la compagnia di cavalli allo stato brado. Come un'oasi (sono le 14 ormai) compare sulla discesa per Pietrastornina il ristorante il Buongustaio: 10 e lode! antipasti caldi, freddi, tiepidi non finivano mai, e come erano buoni! Si potrebbe già chiedere il conto ma ordiniamo una tagliata ai porcini in due; arriva una fiorentina da 1 Kg tagliata a pezzettoni con porcini freschissimi: ottima. Vino della casa, caffe: 20 euro a testa.
Ripartiamo appesantiti ma soddisfatti. Breve giro della città di Benevento (varrebbe una visita più approfondita, ormai il centro è quasi tutta isola pedonale) e proseguiamo verso Nord sulla SS88 dei due principati fino all'uscita di Pontelandolfo: percorriamo il Sannio settentrionale per addentrarci sulle alture del Matese. A Cerreto Sannita inizia la salita che ci porterà a lle cime di Pietraroja e Bocca di Selva. Scolliniamo e ci addentriamo nell'altopiano Matese con i sui laghi e la sua frescura. La discesa verso Venafro ci riporta al caldo e alla consapevolezza che l'estate è alle porte. A Venafro per la notte. Alloggio e cena non degni di nota. 

Percorsi 360 Km in 7.10 ore di guida
Rotta GPS: scarica

Giorno 7: Venafro - Codogno
(
Molise - Lazio - Umbria - Toscana - Emilia Romagna - Lombardia)CoastToCoast_Dom-10_WH.jpg (1660842 byte)
Partenza sotto un sole accecante. Direzione Frosinone sulla Casilina (SS6). Saliamo verso Guarcino dove inizia la bella strada che ci porta algli altopiani di Arcinazzo e poi sino a Subiaco. Scendiamo a valle e risaliamo da Arsoli verso il lago del Turano: un'oasi nel verde. Veloce trasferimento sino a Rieti e quindi a Terni dove proseguiamo sulla E45 per svoltare a Todi in direzione di Orvieto. Sosta pranzo in riva al lago di Corbara all'Osteria del Belvedere: nella norma.
Si riparte per l'ultima tappa: ad Orvieto entriamo in A1 ed usciremo a PC-Nord. Come tutti i bei sogni anche questo è finito.
Alla prossima

Percorsi 730 Km in 10.50 ore di guida
Rotta GPS: scarica

 

Questa vacanza è costata circa 680 euro
di cui ben 240 di benzina

nelle descrizioni degli itinerari:
in giallo:
  le note su ristoranti ed alberghi      
in verde: le note paesaggistiche, storiche      
          e di guidabilità + interessanti     
- - - - - - - - - - - - - - - - - - 

le immagini
dato il gran numero di fotografie
sono state suddivise per giornata

clicca sui link qui sotto

Codogno - Amatrice (8 foto)
Amatrice - Frosolone
(33 foto)
Frosolone - Mattinata
(29 foto)
Mattinata - Mormanno (18 foto)
Mormanno - Maiori
(13 foto)
Maiori - Venafro
(26 foto)
Venafro - Codogno
(8 foto)

tutte le foto sono state fatte con una Nikon S10
tascabile, ma con ottima ottica (zoom fino a 10x)

Le mappe delle strade più belle

Bollino VERDE: per il paesaggio
Bollino ROSSO: per la guida
clicca sulla mappa per vederla ingrandita

# #  
Il lago di Campotosto - il Gran Sasso
Gran_Sasso.jpg (81355 byte)

# #  
La Maiella

#  
Capracotta e dintorni
Capracotta.jpg (22935 byte)

# #
Sannio e Daunia
Sannio-e-Daunia.jpg (61673 byte)

# #
Il Gargano
Gargano.jpg (72476 byte)

#  
La vecchia Appia (Basento)
Via-Appia-(Basento).jpg (60602 byte)

# #
Valico di Sella Lata

# - #
Il Parco del Pollino
Pollino.jpg (51196 byte)

# #
Maratea

# #
Il Cilento
Cilento.jpg (48654 byte)

# #
La costiera amalfitana
Costiera_Amalfitana.jpg (52041 byte)

# #
Monte Vergine e Campo Maggiore

# #
Il Matese
Matese.jpg (62205 byte)

# #
Arcinazzo e i Monti Ernici
Monti_Ernici.jpg (32581 byte)

Turismo home