Giro d'Italia
Isola compresa
ovvero: SICILIA 2005
6181 Km
effettivamente percorsi, incluse alcune varianti
21 maggio - 4 giugno
(ultimo aggiornamento) 07/05/12

i partecipanti (in ordine alfabetico)
Amelio (Honda Transalp)
Franco (BMW 1150GS)
Gianni (Honda X11)
Riccardo (Yamaha Fazer 1000)
Simone (Honda Transalp)

Giorno 1: Codogno- Roma
(Lombardia - Emilia Romagna - Toscana - Umbria -
Lazio)
Fino a Montevarchi (uscita Valdarno) sulla A1; ora inizia il bello.
Seguiamo la statale (bella la salita di Pergine) e ci fermiamo a pranzo lungo la strada (niente di speciale a 20€ cad). Evitiamo il centro di AR e si prosegue verso il lago Trasimeno (breve sosta a Castiglione del Lago). Bellissima la strada (vecchia SS71) e poco trafficata sino ad Orvieto dove prendiamo per Amelia e quindi sulla vecchia Flaminia: belle strade da guidare con paesaggi rurali.
Arriviamo quasi a Roma: ci fermiamo a Morlupo lungo la strada per dormire (H.GranSasso, economico, cena alla pizzeria omonima).

Percorsi 541 Km in 7:00 ore di guida
Rotta GPS: clicca QUI

Giorno 2: Roma - Marina di Camerota (MT)
(
Lazio - Campania)
Partenza di buona mattina, scendiamo verso l'Urbe, un poco di GRA e saliamo verso "i Castelli": Frascati, Marino, CastelGandolfo: belle strade nel verde ma con traffico intenso. Scendiamo a Velletri e quindi una breve corsa senza una curva sino a Sabaudia (sembra di ritornare indietro negli anni 30: tutto stile impero). Saliamo al Circeo (attenzione la litoranea di Sabaudia è interrotta, occorre passare da Molella). La litoranea sino a dopo Terracina si può evitare. Ritorniamo sul mare per arrivare alla splendida Sperlonga ed ammirare la bellissima costa fino a Gaeta (sosta pranzo veloce al porto vecchio). Si punta a Capua per prendere la A1 fino a Battipaglia dove usciamo in direzione Agropoli. Scendiamo sulla costa ad Ascea e percorriamo la bellissima litoranea (in alto a strapiombo sul mare) sino a Palinuro. Proseguiamo quindi per Marina di Camerota dove ci fermiamo per la notte (H.Mediterraneo, 30€ la doppia). Grande cena (forse la migliore di tutta la gita) da non perdere da "Valentone" a prezzi onesti, in piazza dove c'è la chiesa.

Percorsi 460 Km in 7:25 ore di guida
Rotta GPS: clicca QUI

Giorno 3: M. di Camerota
                   Roccella Valdemone (ME)

(
Campania - Basilicata - Calabria - Sicilia)
Si inizia la giornata con uno dei percorsi più belli in assoluto: salita e discesa sul golfo di Policastro e la costa di Maratea (spettacolare). Verso l'interno in direzione Mormanno (SS504) con scorci quasi alpini, e poi la SS 19 ottima strada da guidare sino a Morano Calabro. Autostrada sino a Rogliano (uscita Cosenza SUD) dove riprendiamo la SS19 e poi la SS119 sino a Lamezia: strade in parte belle ed in parte trasandate, tutto nei boschi. Sosta pranzo in centro a Tropea: bellissima. L'intenzione sarebbe stata quella di fare una parte di interno (in Aspromonte) ma il tempo non promette nulla di buono e decidiamo di proseguire in autostrada sino a Villa S.G.. Traghetto (Caronte, 8€, nessuna attesa) A18 sino a Giardini (belle viste sulla costa e la Calabria). Arrivo a Roccella; fine del trasferimento.

Percorsi 553 Km in 7:45 ore di guida
Rotta GPS: clicca QUI

Giorno 4: Roccella - Milazzo - Torre Faro
                   Taormina

(
Sicilia [ME])
Un giretto poco impegnativo, per riposarsi un po dopo il lungo trasferimento. Bella la salita a Polverello che offre paesaggi e natura incontaminata oltre che frescura (siamo oltre 1200m). La discesa verso Montalbano e Basicò ha un asfalto un po scadente ma i paesaggi valgono la pena. Per arrivare a Milazzo è meglio non attraversare Barcellona (caotica). Pranzo al porto di Milazzo dal "Pignataru" con antipasti vari e ottimo stocco alla messinese (50€ in 3). Una puntata a capo Milazzo non può mancare. In autostrada (A20) per evitare il traffico: attenzione uscire a Romella, non a Villafranca perchè l'uscita è solo per chi proviene da Messina. Da qui bella litoranea sino a Torre Faro (impressionante il traliccio). Ancora paesaggio splendido sullo stretto sino a Messina. Sconsigliamo la litoranea sino a Taormina a causa del traffico (si è sempre fermi) anche se alcuni tratti sono veramente belli (es. Capo S.Alessio). Taormina sempre incomparabile. Rientro a casa (Roccella).

Percorsi 250 Km in 4:30 ore di guida
Rotta GPS: clicca QUI

Giorno 5: Roccella - Regalbuto - Enna
                   Caltagirone

(Sicilia [ME - CT - EN])
Una gita senza vedere il mare ma che vale sicuramente la pena per le belle strade e le città visitate. Dopo un'ottima granita al caffè e mandorla con relativa brioche (a Randazzo Bar Il Pasticciere) si parte lungo la SS121 da Adrano ad Enna è semplicemente "goduriosa" da guidare ed anche molto panoramica soprattutto da Regalbuto ad Agira; bella anche la discesa da Lenoforte alla staz. di Pirato. La salita ad Enna svelerà una città particolarissima, soprattutto la zona vecchia, verso il castello. Facciamo poi una tappa al circuito di Pergusa (con giro)  dove mangiamo anche un panino esagerato (bar/alimentari Campanella). Ripartiamo per Piazza Armerina (vecchia SS117bis) e quindi Caltagirone. Stanchi ed accaldati puntiamo verso CT e quindi a casa.

Percorsi 337 Km in 5:10 ore di guida
Rotta GPS: clicca QUI

Giorno 6: Roccella - Siracusa (visita alla città)
(
Sicilia [ME - CT - SR])
L'itinerario stradale non è di particolare interesse: è solo un trasferimento (Autostrada sino a CT, Tangenziale di CT, SS114 sino a SR). Ottima granita e brioche al bar Le Palme di Linguaglossa (ritorneremo più volte). Siracusa offre bellezze uniche: la zona archeologica (Latomia del Paradiso e Teatro Greco in particolare) , il centro storico di Ortigia (il Duomo, la fonte Aretusa, ecc.). Ci vorrebbe un libro. Procuratevi una guida (TCI è meglio) e vedete le foto nella sezione Immagini Siciliane.
Pranzo in centro a Ortiglia al "Marenostrum" (SlowFood, 32€ in tre) a base di cuscus di pesce, ottimo vino bianco, dolce, caffè e ammazzacaffè.

Percorsi 295 Km in 4:30 ore di guida
Rotta GPS: clicca QUI

Giorno 7: Roccella - Bronte - Belpasso
                   Etna - Zafferana

(
Sicilia giro dell'Etna [ME - CT])
Questa volta non abbiamo intenzione di salire ai crateri (ci siamo stati lo scorso anno). Purtroppo il Mongibello è una calamita per le nuvole e conviene partire solo se è perfettamente sereno. La salita da Belpasso è semplicemente fantastica, come anche dal Rifugio Sapienza a Linguaglossa. Dato il tempo infausto scendiamo presto al mare per un bagno a Mascali (sulla costa il tempo è spendido).

Percorsi 153 Km in 2:20 ore di guida
Rotta GPS: clicca QUI

Giorno 8: Roccella - Cesarò - Nicosia
                   Cefalù - Palermo

(
Sicilia [ME - CT - EN - PA])
Si parte per andare a recuperare a Palermo gli altri due componenti che arriveranno in traghetto da Genova stasera. Viene scelto un itinerario principalmente "interno" e la scelta si rivela vincente: la strada da Randazzo fino a Cefalu è semplicemente fantastica (SS120 e SS286): asfalto ottimo, guidabile ottimamente e, dettaglio non trascurabile, si è quasi sempre oltre i 1.000m che significa anche frescura. I paesaggi sono veramente notevoli: visibilità a perdita d'occhio su monti e vallate, la natura, specie in questo periodo, è un fiore unico. Cefalù meriterebbe una visita più approfondita. Sosta pranzo alla pizzeria di uno stabilimento. Seguiamo la costa sino  a Palermo dove pernottiamo all'Hotel Villa Archirafi (appartamento bello e nuovo per 5 persone: 150,00€ con parcheggio privato). La visita a Palermo ci fa scoprire una città davvero unica, con palazzi e monumenti che lasciano a bocca aperta: sarebbe troppo lungo descrivere tutto; vedete le foto. Un sig. del posto ci fa da cicerone e ci esorta ad andare a cenare al "Borgo", il vero centro storico della città, dove pescherie e frutterie restano aperte sino a mezzanotte. Le pescherie accendono anche le griglie e cucinano per i passanti. Scegliamo, non senza timore all'inizio, una trattoria (?) che da fuori promette poco ma si rivelerà davvero ottima: Mamma Carmela (antipasti, 2 primi abbondanti, spada e tonno alla griglia, contorni, dolci, bottiglie di ammazzacaffè sul tavolo, ottimo vino) ottima cena a solo 15€. Rientriamo in albergo a piedi (2Km o 3, forse. Tutta la via Roma) ma va bene per smaltire l'abbuffata. Buona notte.
Percorsi 270 Km in 4:10 ore di guida
Rotta GPS: clicca QUI

Giorno 9: Palermo - Erice - Marsala
                   Selinunte - Sciacca

(
Sicilia [PA - TP - AG])
Si parte la mattina verso Monreale (l'abbazia è da non perdere, le granite si). Trasferimento sino a Castellamare del Golfo e visita a Scopello (mare splendido). La salita e la discesa ad Erice sono tra le cose più belle di tutta la vacanza. Arriviamo alle saline di fronte all'isola dello Stagnone dove ci fermiamo per il pranzo all'imbarcadero per Mozia (mamma Caura): luce accecante delle saline e venticello africano sotto il pergolato. Menu: Cuscus, arancini, pane cunzatu (panino condito con pomodorini secchi, olive, tonno, origano, olio ecc), CHE SCIALO! A malincuore si riparte lungocosta sino a Marsala e poi puntiamo all'interno verso Salemi e quindi giù a Selinunte (sosta granita al Bar Pinguino Mare) e via verso Sciacca. Visita alla città (c'è una festa tradizionale con varie bande e mega processione - 29 maggio). Dormiamo al bed&breakfast sul porto (non ricordo il nome) e cena con Pizza e frittura da applauso da Nello.

Percorsi 265 Km in 4:40 ore di guida
Rotta GPS: clicca QUI

Giorno 10: Sciacca - Agrigento - Enna
                     Nicosia - Cesarò - Roccella

(
Sicilia [AG - EN - CT - ME])
Prima tappa la Valle dei templi (AG) da non perdere. Trasferimento verso CL dove deviamo sulla SS122 e 117bis per ENNA (con doccia forzata, ovvero temporale estivo). Sosta per un boccone Ad Enna Bassa e quindi in direz. Nicosia. Bella la stada tra Lenoforte e Nicosia: peccato che prendiamo la grandine (altro temporale). Il rientro è segue la stessa strada del giorno 8 (al contrario SS120 sino a Randazzo). Rientro e cena in casa con pasta alla norma fatta come si deve.

Percorsi 310 Km in 4:55 ore di guida
Rotta GPS: clicca QUI

Giorno 11: Roccella - Ragusa Ibla - Modica
                     PortoPalo - Noto

(
Sicilia [ME - CT - SR])
Passopiscaro, Linguaglossa (sosta per granita e brioche al bar Le Palme) e quindi autostrada, tangenziale e SS194 per Ragusa. Uscita a Ponte S. Giovanni per  Buccheri: bella strada senza traffico.
ATTENZIONE: tutta questa zona (fino al Portopalo, in pratica tutta la provincia di Ragusa) non corrisponde sul GPS; è come se fosse spostato tutto di 200-400m; fate attenzione.
Buscemi, Giarratana quindi Ragusa Ibla (un giro vale proprio la pena). Da qui a
Modica (da non perdere le cattedrali di S.Pietro e di S. Giorgio). E' la volta del mare; arriviamo a Pozzallo, dove ci fermiamo per un ottimo pranzo di pesce (ristorante Delfino, sul mare 115€ in 5). Lungomare sino a Pachino e quindi a Portopalo (deviazione verso l'isola delle Correnti) con sosta relax e granita: Mare eccezionale, limpidissimo con vista sull'isola di Capo Passero e sulla vecchia tonnara. E' la volta di Marzamemi (strada con scorci unici) piccolo borgo di pescatori veramente caratteristico.
Breve visita a
Noto e quindi rientro rapido lungo le strade a scorrimento veloce da Noto a Siracusa sino Catania e quindi Adrano, Bronte, Randazzo e Roccella

Percorsi 455 Km in 7:10 ore di guida
Rotta GPS: clicca QUI

Giorno 12: Roccella - Scilla - Palmi
                     Metaponto

(
Sicilia - Calabria - Basilicata)
E' arrivato anche il giorno della partenza, purtroppo. Sbarcati in continente ci godiamo, anche se il tempo non è bellissimo, la costa di Scilla (bellissima vista sulla Sicilia). Purtroppo non possiamo continuare fino a Bagnara per una frana sulla statale per cui imbocchiamo l'autostrada sino a Bagnara (belle viste comunque sulla costa dai viadotti mozzafiato). Deviamo quindi per il passaggio "Coast to Coast" dal Tirreno allo Jonio, via Aspromonte. Passiamo da Sinopoli e, in boschi infiniti di ulivo, fino a S.Cristina. Da qui inizia il vero Aspromonte: bella strada (SS112) sino al passo; da qui consigliamo di NON scendere verso Platì perché la strada è praticamente distrutta (noi purtroppo non lo sapevamo) e, a parte il primo tratto in quota, la valle non vale gran che. Sicuramente meglio proseguire verso il Passo del Mercante e quindi scendere dalla SS111 verso Gerace e Locri. Sosta a Locri per un abbondante spuntino. Percorriamo tutta la SS jonica abbastanza velocemente (breve sosta a Cariati) e pernottamento a Metaponto. Pernottamento e cena non degni di nota (motel camuffato da agriturismo sulla statale).

Percorsi 545 Km in 8:45 ore di guida
Rotta GPS: clicca QUI

Giorno 13: Metaponto - Taranto - Gallipoli
                     Leuca - Otranto - Lecce - Matera
                     Rionero in Vulture

(
Basilicata - Puglia)
Partiamo di buonora ed attraversiamo una Taranto che ci appare bellissima alla luce del mattino; proseguiamo lungo costa e scopriamo un litorale veramente bello. A Gallipoli non può mancare il periplo della città vecchia, da non perdere. Proseguiamo in direzione di Leuca da dove non si può non dare una vista dal Faro.
Ed ecco finalmente
uno dei tratti di strada più belli: Leuca - Otranto: viste sulla costa mozzafiato. Decidiamo di fermarci a pranzo a Lecce approfittando per una visita: è una città con monumenti davvero unici (vedete le foto).
Breve ma gustoso spuntino in centro alla
vineria Joice e quindi si riparte nel caldo delle due del pomeriggio verso Matera dove non si può non fare un giro ai "sassi". Decidiamo quindi di dirigerci verso Potenza percorrendo però strade alternative e scopriamo un tratto della vecchia Appia (SS7), nella zona di Tricarico, davvero godibilissima, vivamente consigliata. Proseguiamo cercando un alloggio che troviamo a Rionero in Vulture (sulle pendici del vulcano!): sistemazione economica (anche troppo!) ma grandissima cena alla Locanda Paradiso: (di tutto e di più a 22€, compresa la simpatia e gli scherzi del titolare). Buona notte.


Percorsi 600 Km in 9:30 ore di guida
Rotta GPS: clicca QUI

Giorno 14: Rionero - Foggia
                     A14-A1 ----> Codogno

(
Basilicata - Puglia - Molise - Abruzzo - Marche - Emilia Romagna - Lombardia)
La mattina saliamo sul vulcano a visitare i laghi formatisi nel suo cratere (i Laghi di Monticchio) quindi scendiamo a Melfi dove prendiamo la Superstrada sino a Foggia. Qui purtroppo una foratura ci costringe ad un cambio gomme forzato (gentilissimo ed onesto il gommista). Si riparte sulla SS16 sino a Termoli dove entriamo in autostrada. Da qui sino a casa triste guida autostradale con la mente rivolta ai giorni passati. L'anno prossimo.... magari ....

Percorsi 798 Km in 8:25 ore di guida
Rotta GPS: clicca QUI

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
in giallo:
  le note su ristoranti ed alberghi
in verde: le note paesaggistiche e di
              guidabilità maggiormente interessanti
- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - 

 

le immagini
dato il gran numero di foto
sono state suddivise per argomenti

clicca sui link qui sotto

andata ed ritorno

immagini siciliane

personaggi e luoghi

== Gli speciali ==

Palermo
Taormina
la natura siciliana

 

Le mappe delle strade
più belle

Bollino VERDE: per il paesaggio
Bollino ROSSO: per la guida
clicca sulla piccola mappa
per vederla ingrandita

## Salita e discesa Etna
Etna_MAPW.jpg (34083 byte)

# Adrano - Bronte - Randazzo
Adrano-Randazzo_MAPW.jpg (59667 byte)

# Taormina - Castelmola
Taormina_MAPW.jpg (20577 byte)

# Erice
Erice_W.jpg (16643 byte)

# Saline dello Stagnone
Mozia

Stagnone_W.jpg (36976 byte)

# TorreFaro
TorreFaro_W.jpg (65772 byte)

# Portopalo - Marzamemi
Portopalo_MAPW.jpg (25919 byte)

# Adrano - Regalbuto
Agira - Lenoforte
Adrano_Lenoforte_W.jpg (85484 byte)

# # Cesarò - Nicosia
Castelbuono
Cesaro_Nicosia_Castelb_W.jpg (78486 byte)

# Maratea - Palinuro
Maratea-Palinuro_MAPW.jpg (154601 byte)

# Gaeta - Sperlonga
Gaeta-Sperlonga_MAPW.jpg (33686 byte)


# Bagnara C.- Locri
(Aspromonte)
Bagnara_Locri_W.jpg (82326 byte)

##  Leuca - Otranto
Leuca_Otranto_W.jpg (46396 byte)

# Rionero in V.- Melfi
Rionero_Melfi_W.jpg (25605 byte)

##  MT - Tricarico - PZ
(la vecchia Appia)
Tricarico_W.jpg (72302 byte)

Turismo home